Il potere delle decisioni

Oggi riflettevo su quanto le nostre decisioni siano determinate dal potere della nostra mente.

Spesso di fronte a un problema, in un momento di stallo noi riusciamo consciamente a scorgere una o al massimo due soluzioni.

Quello che riesce facilissimo è quindi delimitare il nostro potenziale umano, confinarlo come colui che è incastrato in un angolo, faccia contro il muro e non vede via d’uscita

Perché? Perché la sua mente, confinata in quell’angolo, perde di vista la totalità dell’insieme, la stanza.

Quello che possiamo fare è prendere consapevolezza della nostra stanza, delle nostre infinite possibilità spesso non contenute nella mente cosciente a cui siamo tanto abituati a dare ascolto.

Uno degli strumenti più efficaci per uscire dal nostro empass risiede nelle domande.

Tu che tipo di domanda fai a te stesso? Perché la domanda che noi ci poniamo determina non solo il nostro stato interiore ma soprattutto il nostro successo futuro.

Se continuo a ripetermi:  Perché non riesco in questa cosa? O perché è successo proprio a me? Il risultato sarà un costante fallimento confermerò cioè quello che voglio sentirmi dire, che sono un fallito e che mi merito questa situazione.

Chiediti invece: Come posso svolgere quest’attività? O cosa posso fare io per migliorare questa situazione?

Poniti domande che ti ispirano, che ti  stimolano, allora troverai le risposte giuste, allargherai la tua vita alle infinite possibilità che al momento non immagini neanche.

E quello che facciamo noi coach è proprio stimolare il potenziale di ognuno attraverso queste domande, che noi sappiamo essere le armi più potenti per il tuo successo.

Buona giornata,
Gloria Tozzi

Commenti